Territorio - Agricola Ursino

CiaoLogout
Vai ai contenuti


La Piana di Sibari

La piana di Sibari, che prende il nome dall’omonima città magnogreca, è la pianura più grande della Calabria. Situata sul versante ionico settentrionale della regione, fa da confine tra il massiccio del Pollino e quello della Sila. È solcata al centro dai corsi del fiume Crati e del suo affluente Coscile, che sfociano nel mar Ionio.
I reperti archeologici affermano che questo territorio è stato frequentato dall’uomo nell’età del bronzo e in quella del ferro da popolazioni indoeuropee. Il nome della pianura deriva da Sybaris, una famosa città della Magna Grecia. Divenne in breve tempo un importante centro commerciale. Leggendarie divennero le raffinatezze dei costumi degli abitanti di questo territorio finché nel 510 a.C. venne distrutta dalla rivale Crotone. Venne successivamente abitata da popolazioni come gli Enotri e i Bruzi dediti ad attività come pastorizia e agricoltura. Sul finire degli anni '50, la piana di Sibari conobbe un periodo di importante evoluzione economica non solo della Calabria ma di tutto il Mezzogiorno.
La piana di Sibari è stata bonificata e resa coltivabile negli anni trenta, favorendo una notevole emigrazione dalle montagne circostanti e dando vita a una discreta attività agricola (agrumi, oliveti, risaie), che è la principale risorsa economica, oltre al turismo e alla pesca, della zona. In particolare, la piana di Sibari favorisce una rigogliosa attività agricola di agrumi, come le pregiate clementine di Calabria IGP e di Olive.
Torna ai contenuti